giovedì 13 marzo 2014

La treccia soffice soffice con pasta madre per Pasqua!



Dopo averla fatta tantissime volte con il lievito di birra, ho voluto provare la pasta madre per la "Treccia soffice di Morena".

La ricetta con il lievito di birra e il passo passo lo potete trovare anche da me QUI.

Nuova esperienza dunque, e il risultato ha superato le mie aspettative! E' già un dolce buonissimo e non pensavo si potesse migliorare.....
ma arriviamo alla ricetta:

Ingredienti

175 gr. di pasta madre rinfrescata un paio di volte e al massimo della lievitazione
50 gr. di acqua tiepida (circa cercate di vedere che l'impasto non risulti troppo molle)
30 gr. di Spumad'or
100 gr. di zucchero
200 gr. di manitoba
180 gr. di farina 0
2 uova e 1 tuorlo
100 gr. di burro morbido
5 gr. di sale (un bel pizzico)
i semini di una bacca di vaniglia
uvetta a piacere
gocce di cioccolato e di marmellata sempre a piacere ( io le ho usate)

Zucchero avelo 
granella di zucchero

Ho iniziato l'impasto alla sera ed ho messo nella ciotola dell'impastatrice con la foglia gli ingredienti come da lista:
pasta madre spezzettata con acqua, spumad'or e zucchero, lasciate mescolare un pò che si sciolga il tutto poi cambiate con il gancio ed aggiungete le farine e appena L'impasto inizia a legarsi aggiungete le uova e lavorate molto bene finchè non sia incordato. Poi aggiungete il burro ed impastate ancora bene e poi a finire il sale, la vaniglia e l'uvetta se vi piace.
Lasciate lavorare ancora per una decina di minuti, l'impasto sarà piuttosto tenero.
Poi lo lasciate lì coperto per tutta la notte a triplicare.

Al mattino rovesciate l'impasto su un piano infarinadovi bene anche le mani perchè non si appiccichi,
pesate tutto e dividete in sei pezzi dello stesso peso. Faremo due trecce, in una ci ho messo le gocce di cioccolato, e in una le gocce di marmellata, ma se volete potete anche lasciarla così, tanto è buona lo stesso!
Stendete con le dita , delicatamente, un pezzo alla volta e dopo averci messo il "ripieno"(facoltativo), lo arrotolate stretto per dargli forza. 




Poi prendendo i rotolini ai due lati li fate ondeggiare per allungarli senza pressarli, attaccateli e create le trecce.


Prima le ho messe su una latta, ma poi pensando all'impasto morbido le ho messe in una teglia per fare in modo che non si allargassero in lievitazione, 


 coperte e messe al caldo vicino alla stube per 4 ore a crescere...


e crescere...

 ...e crescere!!!

  
Acceso il forno a 200°.
Le ho spennellate con zucchero a velo sciolto in un pò d'acqua e aggiunto granella di zucchero e infornate per 30 minuti


Eccole cotte!




  
Ed ecco il favoloso interno!!!


Ciao e tanti dolci baci!!

7 commenti:

  1. cavoli ma e davvero golosa e spettacolare questa treccia ..
    complimenti davvero
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lia! E' veramente un attentato!!!
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Ma che bella! Perchè non partecipi al mio contest? Sarebbe perfetta! Ti lascio il link: http://vogliadicucina.blogspot.it/2014/03/contest-un-anno-di-colazione-dolci.html
    Ciao, Letizia

    RispondiElimina
  3. Ciao Annamaria, sono giorni che non riesco ad unirmi nel tuo blog, blogger mi dice che devo riprovare più tardi perchè non sono in grado di gestire la mia richiesta..ma?Comunque ti ringrazio di essere diventata una mia sostenitrice, appena sarò in grado di unirmi lo farò senz'altro e con molto piacere. Il tuo blog è meraviglioso fatto di tante delizie che allietano i miei sensi di tanta bellezza dolciaria. Sono un autodidatta casalingo di vecchio stampo e quindi ho da imparare ancora tanto in questa nostra passione e quindi se ho bisogno di qualche informazione tecnica in special modo sui lievitati posso confidare su di te ringraziandoti anticipatamente?Grazie di cuore per l'affetto e ti auguro un cammino straordinario pieno di tante soddisfazioni regalando a tutti noi sempre belle ricette. Con stima e affetto Lucio.

    RispondiElimina
  4. Mi fa piacere che stai in linea, la tua umiltà ne fa parte la mia indole e mi intenerisco davanti alle persone come sei tu. Ti ringrazio di cuore onorandomi di tanto affetto, ma i tuoi lievitati sono perfetti e non credo di essere al tuo livello, comunque se mi dai in qualsiasi momento il tuo consenso cercherò di fare altrettanto, tempo permettendo, postando una tua ricetta cercando di non modificarla così facendo amplierò a tutti quelli che mi seguono la tua conoscenza. Grazie Annamaria, a presto. p.s.per adesso diventerò un tuo fans su fb se tu mi concedi la tua amicizia.Ciao.

    RispondiElimina
  5. Mi ero dimenticato delle torte, che dire i commenti sono superflui^_*!Chiedo scusa hai solo la pagina e non l'amicizia, comunque ho cliccato su mi piace.

    RispondiElimina
  6. mi unisco ai tuoi sostenitori e quanto prima proverò questa treccia ciao Letizia

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...