giovedì 20 febbraio 2014

Pane semplice e veloce con rinfresco di lievito madre


Ultimamente mi sono fatta prendere dal lievito madre che mi sono fatta donare, non ho ancora fatto dei pani importanti, ma solo del pane semplice con l'eccedenza del rinfresco,....cioè, diciamo che lo faccio abbondare appositamente!!!

La mia non è proprio una vera ricetta, anche perchè è semplicissimo da fare, basta aggiungere un pò di sale e un pò d'olio al rinfresco che avete in esubero, lavorarlo un pò con le mani e metterlo a lievitare per 4 ore circa coperto e in un posto caldo. Le dosi del sale e dell'olio le faccio ad occhio, dipende dalla quantità dell'impasto. Cotto in forno a 205° con una tazza di acqua calda che tiene l'umidità fino a quando è ben colorito, circa 40-50 minuti, di solito faccio ad occhio anche questo.
Vi voglio solo dire che la soddisfazione è tanta, e il pane anche se è semplice è buonissimo ed ha quella crosta croccante che ti fa venir voglia di mangiarlo anche se non hai fame.
So che avere il lievito madre in frigo è un impegno, ma credetemi ne vale la pena!!!!



 Un giorno mentre facevo lievitare delle colombe, mio marito (devo avergli fatto pena) mentre mi osservava lottare con la pellicola per ricoprirle per farle lievitare, gli è venuta l'idea di farmi questa specie di cella di lievitazione, e devo ringraziarlo di cuore!!! La tazzina all'interno contiene acqua calda per creare umidità e favorire sempre la lievitazione

 Avrei dovuto metterlo in un cestino a lievitare perchè si è allargato oltre che aumentato, così sarebbe cresciuto in altezza.




Eccolo cotto!!



Buonissimo!!!


Eccone un'altro un pò più infarinato..



Non siamo riusciti ad aspettare che si raffreddasse e l'abbiamo tagliato ancora bollente!

Ciao e tanti dolci baci!!!

mercoledì 19 febbraio 2014

Torta Hello Kitty o torta Spongebob?




Un pò di foto di due torte in pasta di zucchero, ultimamente sto tornando al piacere d'infornare e piano piano la pasta di zucchero, mi accorgo, la sto accantonando. Probabilmente è la mia voglia di cambiare e di provare cose nuove, mah! Staremo a vedere, l'mportante è fare quello che piace di più!!!







Ciao e tanti dolci baci!!!

martedì 11 febbraio 2014

La colomba di Pasqua con pasta madre (ma se siamo ancora in carnevale!?!)



La tentazione era troppo grande! E la storia che vi vorrei raccontare troppo lunga, percio' cerchero' di farla breve!
A Natale ho fatto il panettone (e non l'ho nemmeno pubblicato). Buono, bello, ma......non era il panettone artigianale del panificio. Possibile che non riesca a farlo!? Ebbene, parlando con Morena, del blog www.mentaecioccolato.com, mi sono convinta a provare la pasta madre. Ma iniziare a farla voleva dire aspettare mesi (senza contare tutti i rinfreschi), prima di averla attiva. Poi scopro che un mio compaesano, che ora si e' trasferito in un'altro paese, ce l'ha.......
Il mio spacciatore di pasta madre (Luigi), a pochi giorni dal Natale e' venuto a casa mia ed.....ecco che il piccolo tesoro ora e' nelle mie mani!!!!!!
Oramai era troppo tardi per il panettone, ma ho continuato a tenerlo in frigo e a dargli "da mangiare".
Ogni tanto provavo a fare il pane, ma troppo frettolosamente, tanto che andava nel cestino, devo dire che era piuttosto avvilente, ma poi, riprovando le cose hanno iniziato a funzionare. Ci vuole tanta pazienza ed amore!
Qualche giorno fa mi sono applicata con diligenza e pazienza, non potevo ormai fare il panettone, visto che Natale e' gia' passato, ma la colomba si!!
Cosi' in anticipo sui tempi, con uno stampo di colomba in carta e altri stampini piu' piccoli sempre a forma di colomba a disposizione mi sono messa al lavoro!
Ecco le foto del primo, e ben riuscito, esperimento...mancano quelle della colomba grande, che non ho fatto in tempo a fare.






Lo so, le foto sono tantissime, ma sono talmente entusiasta del risultato che non sono riuscita a trattenermi!

Ora parliamo della ricetta. Guarda di qua, guarda di la', alla fine ho scelto di provare quella di Gennarino, e poi una volta fatta ho scoperto il blog di Vittorio di Viva la focaccia, dove anche lui usa la stessa ricetta e senza saperlo!!
Bene ora la ricetta e poi le foto della seconda colomba, che non e' una colomba ma una ciambella visto che lo stampo non ce l'avevo piu'. 

La ricetta richiede due stampi a forma di colomba visto che l'impasto e' per due chili di dolce.
Cominciate il giorno prima al mattino rinfrescando il lievito per almeno due volte,  arriverete al pomeriggio sera, dipende a che ora avrete iniziato.

Primo impasto: 

175 gr. di lievito madre
125 gr. di zucchero
100 gr. di tuorli (5/7 dipende dalle dimensioni)
190 ml. di acqua
135 gr. di burro
500 gr. di manitoba



Quando il lievito sara' maturo (dopo 4/5 ore dall'ultimo rinfresco) mettetelo nel recipiente della planetaria (oppure a mano, dovrete lavorarci un po'), e stemperatelo con l'acqua tiepida, si deve appena sentire. Aggiungete lo zucchero e meta' dei tuorli, lavorateli e dopo qualche minuto aggiungete la farina. Lavorate bene finche' l'impasto non sara' asciutto, non si deve appiccicare alle mani.
Unite il resto dei tuorli e lavorate ancora bene finche' di nuovo non attacca sulle mani.
Ammorbidite il burro senza scioglierlo e unite all'impasto. Impastate ancora bene e poi coprite il contenitore con una pellicola. Mettete a riposare in un luogo caldo per 12 ore circa, io l'ho messo vicino alla stufa che poi pero' si e' spenta durante la notte. Dovra' triplicare il suo volume.

Secondo impasto:

Il primo impasto
125 gr. di zucchero
10 gr. di miele
50 ml di acqua (la seconda volta ho usato lo Spumador al posto dell'acqua)
100 gr. di tuorli
250 gr. di farina 00
8 gr. di sale
125 gr. di burro
250 gr. di arancio candito a cubetti
i semini di mezza bacca di vaniglia (o vanillina, o essenza di vaniglia)

Riprendiamo il nostro contenitore con l'impasto e aggiungiamo lo zucchero,il miele, l'acqua e meta' dei tuorli. impastate e dopo qualche minuto unite la farina. Lavorate bene finche' non sara' asciutto e incorporate il resto dei tuorli. Impastate bene fino a quando sia ben incordato ed elastico, aggiungete il sale, la vaniglia e il burro sciolto ma tiepido. Alla fine i canditi.
Ora dividete l'impasto in due  e ogni pezzo lo stendete delicatamente con le mani e lo piegate in due e poi di nuovo in due. E lasciate riposare coperto per un'oretta circa.
Poi riprendete in mano e dividete di nuovo in due (quattro pezzi, due per ogni colomba). Rifate le pieghe come prima e poi allungate un pezzo, che userete per fare le ali, e lo rendete piu' sottile al centro, dove poggiera' il corpo. appoggiatelo di traverso sullo stampo a riempire la parte piu' corta. Poi arrotolate anche l'altro pezzo ed appoggiatelo sopra il primo a croce a formare il corpo della colomba.
Proseguite anche con la seconda allo stesso modo.
Coprite e mettete al caldo per circa 5 ore. Il tempo e' indicativo, aspettate finche' non arrivano ad un centimetro dal bordo.

Ghiaccia per la copertura (quella che ho usato io): 

Alcune mandorle intere
farina di mandorle 50 gr.
zucchero semolato 170 gr.
albume q.b.
granella di zucchero
zucchero a velo

Mettete lo zucchero semolato con la farina di mandorle nel tritatutto e poi unite un po' di albume alla volta fino ad arrivare alla consistenza di una crema che pero' non coli una volta messa sulle colombe.
Quando la lievitazione sara' completata accendete il forno a 190 gradi e scoprite i dolci in modo che si asciughino un pochino in superficie. Ora che si sara' formata una sottile pellicola potete con delicatezza
mettere la ghiaccia sulle colombe. Cospargete la granella. qualche mandorla e ricoprite con lo zucchero a velo.
Infornate per 50 minuti circa, se vedete che colora troppo presto in superficie coprite con un foglio di alluminio che toglierete poco prima di sfornare. Provate sempre con lo stecchino la cottura.
Una volta tolte dal forno mettete a raffreddare a testa in giu' per almeno 6 ore. Io ho infilato quattro stecchi da spiedino sopra e poi l'ho capovolta.


Una volta in forno lieviteranno ancora di molto, infatti, le mie ciambelle hanno addirittura distrutto il buco centrale!


Ed ecco i risultati!! (altra marea di foto). Una volta chiusa in un sacchetto mi e' rimasta morbidissima per tre giorni, di piu' non saprei perche' ce la siamo pappata prima!!


Per un piccolo approfondimento vedete questo POST







E dopo essermi dilungata a non finire, aggiungo che questa pasta madre mi ha dato tantissima soddisfazione!!!
 Un grande grazie al mio "spacciatore" Luigi!
Ciao e tanti dolci baci!!

Aggiunta del 31/01/14

Ho provato a rifarla con gocce di cioccolato e con gocce di marmellata, sono venute favolose, e tanto per non smentirmi aggiungo delle altre foto!! Sia in lievitazione che del risultato finale.
Praticamente una volta aggiunto i canditi e diviso in due l'impasto ho aggiunto su una parte 80 gr. di gocce di cioccolato e su l'altra 75 gr. (una confezione intera) di gocce di marmellata ai frutti di bosco.




Altra aggiunta:

Fatta e rifatta!!! Dunque, con un rinfresco in più ecco il risultato:






LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...